Passa ai contenuti principali

Toh , chi si rivede: è il centrodestra il vincitore di questo assaggio di voto

E’ un mare che crea e distrugge con grande facilità la politica italiana degli ultimi anni. Sommersi e salvati sono categorie incerte. Anche questo delle amministrative 2017 è un passaggio e come tale non definitivo. Sarebbe un errore considerare sommersi i 5 Stelle, salvato il Pd del segretario Renzi così come il centrodestra e agganciato ad una solida zattera il centrosinistra a trazione Bersani-D’Alema. Tra due settimane ci saranno i ballottaggi e altro sarà certamente più chiaro. 

Ma non c’è dubbio che tra tante considerazioni – una su tutte la presunta “sconfitta” di Grillo - quella più vera è la rinascita – per quanto? E per andare dove? – del centrodestra in formazione classica. E cioè Forza Italia, Lega nord e Fratelli d’Italia. Più liste varie figlie delle scissioni di questa disgraziata legislatura.

 Aiutano i numeri. Nel riepilogo (fonte You Trend) che considera i risultati di 141 comuni con popolazione superiore ai 15 mila abitanti, il Pd raccoglie il 16,6% dei voti e i partiti di centrosinistra insieme (varie liste civiche) il 20,2%. Sommando questi suffragi, il valore complessivo del centrosinistra è del 36,8%. Nel campo opposto Forza Italia è al 7%, altri partiti di centrodestra al 16,9, Lega nord al 7,8% e Fratelli d’Italia al 2,5% (totale 35,2%). Il Movimento 5 Stelle non raggiunge il decimale e si ferma al 9 per cento.

A parte che siamo andati a dormire rassegnati a tornare proporzionali e ci siamo svegliati nuovamente maggioritari; a parte che gli italiani sembrano affezionati all’idea di ragionare in termini di coalizioni, una a destra e una a sinistra con quel po’ di centro che serve sempre a sfumare; a parte che la legge elettorale attualmente in vigore è rigorosamente proporzionale e chissà mai se e quando ci metteranno mano (molto difficile); a parte tutto questo, interessa qui vedere come può sviluppare, in vista delle politiche, il fatto che i numeri danno il centrodestra unito come seconda forza politica al 35,2% a meno di due lunghezze dal centrosinistra. Insomma, assolutamente competitivo per essere forza di governo.

Finiti i conteggi, con il centrodestra al ballottaggio praticamente in tutti i comuni capoluogo (tranne Palermo già saldamente nelle mani di Leoluca Orlando), il mantra per le prime linee di Forza Italia e Lega è uno solo: “Unito il Centrodestra vince". Il risultato delle comunali va in questa direzione.  A Genova Marco Bucci andrà al  ballottaggio con il risultato migliore, a Verona  sarà duello tra Federico Sboarina e i traditori di “Fare”, cioè la senatrice Bisinella in arte il sindaco uscente e non più ricandidabile  Flavio Tosi, a Padova Massimo Bitonci e a Lecce  Mauro Giliberti. La strada presa – che è il modello Giovanni  Toti, governatore della Liguria e da sempre ponte tra il Cavaliere e il segretario leghista - è dunque l'unica praticabile per cercare di contrastare il Partito democratico e il Movimento 5 stelle, che Berlusconi, e neppure Salvini, considerano affatto sconfitto. 

Ma l’unità invocata si scontra con due o tre passaggi strettissimi: incomunicabilità Salvini-Berlusconi (non si parlano da mesi); due idee opposte di sistemi elettorali, proporzionale per Berlusconi, maggioritario per Salvini; il nodo leadership: “centrodestra a trazione leghista e Salvini premier” ripete Salvini;  “centrodestra fondato sui valori cristiani e sui programmi liberali”, legato al Ppe e non certo al populismo lepenista o di Ukip con “Berlusconi presidente” è la linea del Cavaliere. 

I numeri dicono che la Lega nord ha raggiunto il 7,8% mentre Forza Italia il 7%. Ma la lettura dei dati scorporati per aree geografiche racconta la debolezza del progetto leghista: il Carroccio resta il partito del nord (12,6%) mentre al centro crolla al 6,1 e al sud si ferma allo 0,5% nonostante l’attivismo di Salvini tra Napoli, Lampedusa e Sicilia e assai contestato all’interno della stessa Lega. Al contrario i partiti di centrodestra in genere tengono bene al centro ( 15,7%) e al sud (18,9%). In questo quadro, Forza Italia si conferma la formazione più nazionale e omogenea: 7,8% al nord, 6,3% al sud e 6 % al centro.

Si tratta di mettere da parte mesi di offese reciproche più o meno dirette e trovare la sintesi a tutto questo. Salvini non può non fare i conti con il fatto che i suoi compagni di viaggio europei hanno ballato per una sola estate: Le Pen, Farage, il leader olandese, i selfie trionfalistici di qualche mese fa sono da buttare. Abbassare i toni è obbligatorio. In parte lo stanno già facendo. Berlusconi, lato suo, dovrà forse indorare un po’ di più e un po’ meglio la pillola più amara, ovverosia insistere un po’ meno su “candidati nuovi, credibili, espressione non del professionismo politico ma della società civile”. E’ questo ricambio forzato che terrorizza chi sta già in Parlamento e vorrebbe tornarci. 

Ecco che in questo mare politico agitato che crea e distrugge, quello del centrodestra sembra un oggetto ritrovato e forse dato troppo presto per perso e dimenticato.  

Commenti

Post popolari in questo blog

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

Ecco perchè il processo penale sarà più breve. E la prescrizione molto più lunga

Ecco in pillole di cosa tratta la riforma del processo penale che arriva al via libera definitivo stasera dopo tre anni di iter parlamentare.  come scrivevo nel post di ieri, non piace nè agli avvocati nè ai magistrati. e pochi scommettevano fino alla scorsa settimana che sarebbe mai diventata legge dello stato. "Oggi sono contento" ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando dopo aver incassato la fiducia. Anche dei centristi di alfano che hanno sperato fino a stamani di far saltare il tavolo. Negli 85 commi dell'unico articolo (per via della fiducia) c'è anche la delega per le intercettazioni. entro tre mesi saranno fornite le nuove regole sulla pubblicazione delle intercettazioni che restano strumento principe per gli investigatori.  

Estinzione reato per condotte riparatorie. Nei reati procedibili a querela (remissibile) il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ripara interamente il danno mediante restituz…