Passa ai contenuti principali

Sherif Seferovic è di nuovo libero: le risposte contraddittorie della giustizia

Il garantismo è sacrosanto. L’applicazione delle leggi un obbligo oltre che un dovere, è il fondamento dello stato di diritto. Ma se il garantismo piega le regole o non le considera nel contesto del momento,  i rischi sono molteplici. Soprattutto incomprensibili. E armano facilmente la mano del populismo e del razzismo.  


Sherif Saferovic, ad esempio: 20 anni, rom slavo, residente da anni al campo nomadi di via di Salviati a Roma, sposato e con un curriculum lungo così di furti, risse e danneggiamenti. Il 5 dicembre scorso, con il compagno di merende Gianfranco Ramovic, aveva scippato una studentessa cinese che aveva appena ottenuto il rinnovo del permesso di soggiorno all’ufficio immigrazione della questura distaccato in via Salviati. I giovanotti furono individuati, arrestati con l’accusa di scippo con strappo e  processati. EntrambiSaferovic e Romovicpatteggiarono (due anni il primo, un anno e mezzo il secondo) e a fine febbraio erano già tornati liberi. 


Lunedì 5 giugno è un’altra giornata importante nella vita di Sherif Saferovic, arrestato il primo giugno a Torino con l’accusa di omicidio plurimo, tentato omicidio plurimo, detenzione, porto ed utilizzo d'arma da guerra e incendio doloso. Sarebbe stato lui, secondo il quadro indiziario della squadra mobile di Roma e la richiesta del pm di Roma, a lanciare la bottiglia molotov contro il camper della famiglia Halilovic, l’11 maggio. Elisabeth, Francesca e Angelica, 20, 8 e 4 anni, non ce l’hanno fatta a scappare (cosa che è riuscita per fortuna al resto della famiglia) e sono state bruciate vive. Il gip di Torino ha convalido il fermo, ritenendo quindi gravi e concordanti gli indizi a suo carico. Ma quegli stessi indizi non sono bastati allo stesso gip per convalidare la custodia cautelare. Risultato: oggi Seferovic è uscito dal carcere in attesa di giudizio. E in queste ore spiace dover assistere senza argomenti dialettici sufficienti alle proteste urlate di chi gonfia il petto e arma i social chiedendosi che paese è quello in cui un giovane in pochi mesi la fa franca due volte per aver, seppur involontariamente, provocato la morte di una ragazza cinese e nonostante sia sospettato di aver preso parte ad un raid che ha bruciato nel sonno tre giovani rom. 


Conviene ripassare quanto scritto dal gip, secondo il quale “mancano i gravi indizi di colpevolezza a carico di Seferovic” per quanto i video che riprendono il furgone da dove la notte tra i 10 e l’11 maggio è stata lanciata la molotov non lascino dubbi circa il fatto che quel furgone sia proprio in uso alla famiglia Seferovic, più precisamente a un fratello di Sherif.  “Io non ero a Centocelle ma con la mia famiglia dall’altra parte di Roma, in un’area di sosta in zona Prati Fiscali”, s’è difeso Sherif. Convincendo, a quanto pare, il gip.


Ci si chiede ora come possano essere gli indizi utili per il fermo e non sufficienti per la custodia cautelare. Quest’ultima, infatti, non implica una responsabilità penale accertata. E basta la sussistenza di gravi indizi” per motivare le esigenze cautelari. L’indizio del furgone è importante. Tanto quanto il fatto che il fratello, vero titolare del mezzo, sarebbe latitante. Senza contare che i Seferovic e gli Halilovic sono due famiglie da tempo in lotta, con una serie documentata di minacce reciproche.  La custodia cautelare avrebbe potuto dare il tempo per effettuare tutti i riscontri  necessari. E trovare altri indizi per chiedere il processo. Come si spiega poi la contraddizione di un fermo convalidato – il che vuol dire che il quadro indiziario è grave e completo – e di una custodia cautelare rigettata che però si può basare sugli stessi indizi del fermo? 


Seferovic ha ammesso le sue colpe per la ragazza cinese. Ha negato tutto per le sorelline Halilovic. Ma c’erano ancora molte domande a cui doveva dare risposta. Le avrebbe dovuto dare dal carcere. 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…