Passa ai contenuti principali

SOS centrosinistra, perchè la "torta" di Renzi non basta più. E neppure "l'unità"...

La torta è colorata e avrebbe anche numeri positivi. Ma non basta. Ed è una torta triste. Perché dietro le cifre ci sono sconfitte brucianti che segnano un punto di non ritorno: nel Pd e nel centrosinistra serve con urgenza un cambiamento, di contenuti e di metodi. L’alternativa è una slavina di consensi. Per qualcuno - a cominciare dal ministro Orlando che pure ha perso tutto nella sua Liguria per finire con Mdp e tutto quello che c’è nel mezzo - serve anche un cambio di nomi, cioè del segretario al quale si chiede già nell’immediato post voto di fare un passo indietro. Come se non si fosse appena concluso un congresso che lo ha largamente confermato vincitore. E’ molto probabile che invece il fuoco amico contro Renzi sia parte del problema.

Il segretario del Pd lancia la torta, che è un grafico, in mattinata, via Facebook. Riporta i numeri di Youtrend (società di sondaggi e misuratori di consensi politici) per cui, relativamente ai comuni sopra i 15mila abitanti, il Pd e il centrosinistra ha piazzato 67 bandierine, il centrodestra  59, le liste civiche 20, M5s 8, il centro ne ha due e la sinistra pura anche. Una vittoria, insomma. Quello che i numeri non dicono è che il centrosinistra ha perso nelle sue roccaforti come Genova, La Spezia, Sesto San Giovanni,  Pistoia. Che ha ceduto città come L’Aquila e Carrara per non parlare di Monza, Lodi, Alessandria e un po’ tutto il nord dove l’azzurro è diventato il colore principale. Città perse nonostante l’unità della candidatura: percepito come di facciata e dunque in continuità con esperienze che hanno deluso (uno su tutti Gianni Crivello a Genova), anche il modello del centrosinistra allargato sembra non essere più vincente.

L’analisi più interessante, in questo senso, l’ha fatta Sergio Cofferati, uomo di sinistra che la scissione dal Pd l’ha fatta per primo due anni fa, ai tempi della Regionali vinte per l’appunto da Giovanni Toti con quel modello che ora sembra essere vincente a livello nazionale. Se ne andò, Cofferati, perché denunciò irregolarità nelle primarie per le regionali vite da Raffaella Paita sconfitta poi da Toti. “E' la sconfitta del centrosinistra allargato, non solo di Renzi ma anche di Pisapia e Bersani” ha detto Cofferati in un’intervista a La Stampa. “Qui  (a Genova, ndr) c'era un candidato scelto dal Pd, perché l'indicazione del nome è arrivata da Roma, ma che non è iscritto al Pd. Ed era anche la sperimentazione più robusta del centrosinistra allargato". Per l’ex leader della Cgil e poi sindaco con successo di Bologna, “c’è un problema che riguarda sia il Pd sia il centrosinistra largo di Bersani e Pisapia”. Cofferati cita i numeri del primo turno quando il Pd calò e Mdp e Pisapia non arrivarono al 3 per cento. “E’ una doppia battuta d’arresto - è la sua analisi - e urge costruire con pazienza un’alternativa che esca dagli schemi”.

Sembrano chiamarsi fuori da ogni responsabilità gli scissionisti del Pd, convinti che alla fine “la colpa sia soltanto di Renzi. E’ lui che deve fare il passo indietro. Finchè c’è lui siamo destinati a perdere”. Analisi ingenerosa, semplicistica, soprattutto sbagliata.  Piaccia a no agli anti-Renzi dentro e fuori il Pd, si tratta di un segretario eletto due mesi fa con circa un milione e mezzo di voti. E i sondaggi dicono che Mdp non è questa roba pazzesca che fa impazzire le folle. Anzi. Per il bersaniano Miguel Gotor, invece, “questi risultati dimostrano la necessità di un profondo cambiamento del centrosinistra che perde qualsiasi attrattiva se imperniato intorno al Pd di Renzi. In questi anni abbiamo sostenuto quanto fosse strategicamente sbagliato provocare una rottura a sinistra per cercare i voti della destra inseguendo una autosufficienza arrogante e solipsitica. E inascoltati abbiamo ripetuto che c'era un vento di destra che soffiava nel Paese a cui non si poteva rispondere ammainando le bandiere e i valori della sinistra. Chi ha seminato vento raccoglie tempesta”.

Ma la rottura a sinistra non l’ha voluta Mdp? Che adesso punta su sabato, data di un nuovo inizio, quando Pisapia raccoglierà in piazza SS Apostoli le truppe del Campo progressista, la novità che dovrebbe unire e fare la differenza. “Noi ricominciamo dal primo luglio a Roma, in piazza, con Pisapia e Bersani – dice Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio e reggente di Articolo 1 - per una sinistra di governo capace di ricostruire una connessione sentimentale con  il nostro popolo”.

La domanda è se ha perso Renzi, il Pd - questo Pd, non certo quello a vocazione maggioritaria che arrivò al 40% -  o il centrosinistra Pd-Mdp con sprazzi di Pisapia. Tenta una risposta Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera e membro della segreteria del Pd: “In tutte le città in cui abbiamo perso c'è un centrosinistra largo. Il centrosinistra così com'è non è sufficiente. Il Pd dovrebbe riprendere il suo progetto originario".  Orlando la vede così:  “Bisogna prendere atto di un isolamento politico e sociale del Pd. Non c'è solo un elettorato perduto, ma un elettorato che spesso va a votare contro e si somma con chiunque pur di far perdere il Pd”.

Un disastro. Per cui urge immediata soluzione. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…

LAURA PUNTA A BRUXELLES CON IL TRAMPOLINO DI PISAPIA MA DIVIDE MOLTO ANCHE IN QUELLA CHE DOVREBBE ESSERE LA SUA BASE La presidente della Camera preoccupata per il suo futuro. Anche perché non si accontenta di sedere semplicemente tra gli eletti del nuovo Parlamento

Jolly o handicap? Risorsa o limite? Laura Boldrini scende in campo. Aspetta l'ultimo giorno di apertura del Parlamento, l'ultimo prima di una lunga chiusura (l'aula è convocata per il 12 settembre) e in un'intervista al Corriere della sera mette da parte il ruolo di terza carica dello stato e mostra la carte in tavola: "Pisapia è il leader e io sono pronta a fare la mia parte". Cioè a candidarsi. Per un ruolo importante, però, perché mica si può finire a fare la semplice deputata o senatrice dopo che si è stata "la presidente della Camera", la terza donna da sempre dopo Nilde Iotti e Irene Pivetti.
La tentazione di fare outing era venuta già altre volte. Clamoroso il primo luglio, nella piazza arancione di Santi Apostoli a Roma dove Pisapia provò a trovare la sintonia con la piazza di Articolo 1,  Bersani e D'Alema. Fusione a freddo rinviata allora e da allora ancora incerta. Poi la presidente si ricordò la carica e il peso del ruolo e si limitò,…

Caso Regeni, Manconi: "Riapriamo l'ambasciata in Egitto ma si attuino misure alternative per avere la verità". Il senatore che guida al Senato la Commissione per i diritti umani rimprovera l'Eni. "In 18 mesi solo una volta parole di vicinanza alla famiglia". La ricucitura diplomatica può passare anche da qua *

Se vogliamo inviare nuovamente il nostro ambasciatore al Cairo, lo si faccia, “non ho pregiudizi sul punto” dice il senatore Luigi Manconi, membro della commissione Difesa e soprattutto presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani. E però, aggiunge subito dopo, “si trovino altri modi per fare pressione sul regime di Al Sisi e sulla procura del Cairo per avere tutta la verità sul massacro di Giulio Regeni”.  Un suggerimento anche l’Eni, il player economico-commerciale più strategico tra Libia e Egitto: l’adDescalzi trovi il modo di dimostrare interesse e vicinanza al dossier Regeni e alla famiglia. Intervistiamo Luigi Manconi dopo che il dibattito parlamentare sulla nuova missione in Libia ha riportato, come avete letto su Tiscali.it, in primo piano, con urgenza pur tra timidezze e imbarazzi,  il caso della vacanza diplomatica dell’Italia dall’Egitto. Nell’aprile 2016, due mesi dopo il ritrovamento del cadavere del ricercatore universitario Giulio Regeni e nella totale …