Passa ai contenuti principali

Processo ai 5 Stelle ... ma Virginia non si presenta e Dibba archivia uno-vale-uno e apre alla sua candidatura a premier. Minniti, invece, spiazza la platea grillina de Il Fatto e strappa anche applausi. Gabanelli premier?


MARINA DI PIETRASANTA - Virginia sfugge il processo. Il ministro Minniti ci si butta dentro anima e corpo. Certo, si becca qualche fischio. Ma sta lì, sul palco del teatro della Versiliana, alla Festa del Fatto Quotidiano, territorio decisamente "nemico", in un contesto non facile visto che deve parlare dopo due astri del Movimento 5 Stelle come Furio Colombo e Milena Gabanelli. Eppure alla fine il ministro dell'Interno strappa anche qualche applauso. Perché la forza degli argomenti vince su ogni propaganda. 
Giornata conclusiva della festa che ogni anno il quotidiano di Marco Travaglio organizza nella villa della Versiliana per tutta l'estate luogo di incontri e dibattiti e poi "prestata" ad iniziative private (il prossimo fine settimana ospiterà la Festa de L'Opinione). Durante il giorno dibattiti, la sera teatro e concerti. Un buon modello di business. Che pare produca buoni utili. Oltre che conquistare adepti alla squadra, o anche partito, de Il Fatto quotidiano. 
Il format di quest'anno è stato quello del "processo": processo al centrosinistra (venerdì); al centrodestra (sabato), stamani era in programma il processo ai 5 Stelle. Doveva funzionare così: Peter Gomez, direttore del Fatto on line, avrebbe dovuto "interrogare" Virginia Raggi e Alessandro Di Battista. Dalle 11.30 in avanti. Sul palco anche un intellettuale molto vicino ai 5 Stelle come Massimo Fini. Nel pomeriggio, il panel finale dedicato all'immigrazione. Ospite d'onore il ministro dell'Interno Marco Minniti in un faccia a faccia a tre con due "avversari" come Milena Gabanelli e Furio Colombo che accusano il titolare dell'interno di avere la mano troppo pesante sui migranti e di chiudere gli occhi sui diritti. 
Una giornata da tutto esaurito nel parco dannunziano, posti esauriti nel teatro (600) e anche nell'area caffè (altri 500) dove è stato issato un maxischermo. Solo che Virginia all'ultimo minuto ha dato forfait. E il "processo" è diventato nei fatti un "one man show" del Dibba, camicia bianca, mano tra i capelli, abbronzato. Un divo versiliese. Gomez è partito giustamente da qui. Perché la sindaca evita il confronto? "Non ho parlato con Virginia, non so perché non sia venuta, presumo abbia molto da fare, d'altra parte vive una fase molto complicata e credo che lo sarà fino in fondo alla sua consigliatura". Il caso Roma, un anno e mezzo di non governo, viene liquidato così: "Pretendo che il giudizio sulla sindaca Raggi venga dato alla fine del suo mandato. In questi 18 mesi le sono state appioppate le peggiori nefandezze, anche quattro relazioni tra cui una persino con me.... Roma è sommersa da 15 miliardi di debiti e dalla corruzione di mafia capitale... Noi cerchiamo di fare gare, occorrono 8 mesi per istruirle, occorre tempo, ed è quello che vi chiediamo. Al netto di alcuni errori che sono stati commessi in buona fede, vi chiedo di giudicarci alla fine. Di trattarci come gli altri partiti". Tutto vero e legittimo. Se non fosse che fu proprio la sindaca, e il suo staff, a promettere soluzioni e ricette di immediata soluzione. E che solo oggi ad esempio,  sulla piaga delle occupazioni e della mancanza di alloggi, Raggi abbia deciso di prendere in mano un piano-casa che pure il suo ex assessore "cacciato" Andrea Mazzillo le aveva "messo sulla scrivania" (parole di Mazzillo). 
Ma tutto questo, come la crisi Atac, Ama, Acea, i dieci tra assessori e dirigenti mandati via e sostituti, non sono stati tema del "processo". Diventato così il solito Dibba show. Con qualche novità, però. 

"Uno vale uno" non c'è più 
Ad esempio, il Dibba archivia uno-vale-uno, articolo numero uno del credo grillino nei fatti da tempo superato dalla diarchia Grillo-Casaleggio.  "È stato male interpretato" spiega. "All'inizio il Movimento era una cosa diversa, poi c'è stata un'evoluzione ed è chiaro che si è creato un gruppo dirigente che decide. Non è vero che Grillo comanda ed è il capo politico. È vero però che serve qualcuno che decide. Siamo tutti uguali nei diritti ma non tutti possono fare le stesse cose". 
Dibba attacca gli italiani ("sono loro il problema finché votano certa gente"), attacca tutti, da Napolitano ("responsabile di tutti i disastri di questo paese") a Gentiloni ("prende ordini dagli USA") passando per Salvini ("in Sicilia appoggia Cuffaro"), Giorgia Meloni e Pierluigi Bersani ("ha votato Napolitano"). "Ecco perché non facciamo alleanze con nessuno, porca puttana...." (sic). Applausi da spellarsi le mani. 

Dibba candidati premier? Giochi ancora aperti 
Dibba si scorda di attaccare Renzi, lapsus. Attacca la stampa (tutta tranne Il Fatto) e i tiggì, specialmente il Tg1. Ma poi riserva un'altra "notizia" quando il giudice-intervistatore gli chiede perchè c'è un solo candidato premier (la riserva sarà sciolta il 24 settembre a Rimini alle Festa 5 Stelle). "Per quello che mi riguarda dirò al momento opportuno le mie intenzioni". "Vuol dire che ci stai pensando" chiosa Gomez. "È una tua traduzione, non vi fidate" gigioneggia Dibba. Un po' debole come smentita. 
Segno che Grillo e Casaleggio, gli unici che alla fine  decideranno al di là della votazione on line - un altro punto assai debole - hanno ancora le idee confuse. Molto. Perché non c'è dubbio che Luigi Di Maio, oggi al Forum Ambrosetti con Salvini a spiegare che industria, banche e imprenditoria non devono aver paura di loro, non buca più come una volta. 

Standing ovation per Gabanelli 
A giudicare dagli applausi e dal gradimento, la più amata delle festa de Il Fatto e di un pubblico sintonizzato sui 5 Stelle è stata certamente la giornalista Rai Milena Gabanelli.   Tanto che più d'uno tra il pubblico l'ha indicata come candidata premier. Qualche fischio alla fine se l'è preso Furio Colombo che ha "troppo insistito sul tasto dell'umanità" sentimento di cui "il ministro Minniti sarebbe sprovvisto" . Ma è il ministro dell'Interno alla fine che spiazza il pubblico. E che si prende anche applausi quando dice: "Sulla questione dei diritti umani e dell'accoglienza faro' una battaglia personale, ci sarà sempre il mio impegno. Bisogna governare i flussi senza mai perdere l'umanità". E quando promette: "Mi sono posto l'obiettivo di cancellare la parola emergenza da politiche immigrazione: non possiamo continuare a procedere con quanto viene dettato dai fatti. Su questi temi non si gioca un punto o due in più alle prossime elezioni. Posso pure sbagliare e se sbaglio vi chiedo scusa ma quando non ci sarò piu' spero di dica che ho svolto il mio compito con dignità e onore". 

*questo articolo è stato pubblicato su Tiscali.it il 4 settembre 

Inviato da iPad

Commenti

Post popolari in questo blog

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

Ecco perchè il processo penale sarà più breve. E la prescrizione molto più lunga

Ecco in pillole di cosa tratta la riforma del processo penale che arriva al via libera definitivo stasera dopo tre anni di iter parlamentare.  come scrivevo nel post di ieri, non piace nè agli avvocati nè ai magistrati. e pochi scommettevano fino alla scorsa settimana che sarebbe mai diventata legge dello stato. "Oggi sono contento" ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando dopo aver incassato la fiducia. Anche dei centristi di alfano che hanno sperato fino a stamani di far saltare il tavolo. Negli 85 commi dell'unico articolo (per via della fiducia) c'è anche la delega per le intercettazioni. entro tre mesi saranno fornite le nuove regole sulla pubblicazione delle intercettazioni che restano strumento principe per gli investigatori.  

Estinzione reato per condotte riparatorie. Nei reati procedibili a querela (remissibile) il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ripara interamente il danno mediante restituz…