Passa ai contenuti principali

Ecco perchè è urgente riapire l'ambasciata al Cairo Per tutelare i nostri interessi nazionali. E perchè dalla diplomazia può passare tutta la verità per Giulio Regeni. Le ritorsioni finora hanno prodotto poco*

C'è una famiglia, quella di Giulio Regeni,  e con lei un paese intero, l'Italia,  che chiedono verità e giustizia. E c'è un'intera area geografica, il nord Africa ma anche il Medioriente, che per le sue implicazioni geopolitiche deve essere stabilizzata e per farlo ha bisogno di attori in campo chiari e ben riconoscibili. C'è un convitato di pietra nel dibattito in aula alla Camera e al Senato che ha appena votato la nuova missione in Libia, che contiene parte delle risposte anche se non forse la soluzione alle due premesse iniziali. Qualcuno, timidamente, gli dà corpo e nome. "Dobbiamo riaprire la nostra ambasciata in Egitto e inviare subito in sede l'ambasciatore" trova il coraggio il deputato centrista Lorenzo Dellai. "Magari con un mandato particolare, finalizzato sia ad ottenere verità e giustizia per Giulio Regeni, sia per una interlocuzione anche conflittuale in ordine agli interessi italiani ed europei nell'area". Altri, molti, in modo assolutamente bipartisan anche nel Pd, lo dicono sottovoce. Il presidente della Commissione Difesa del Senato, Nicola La Torre (Pd), lo dice da mesi. Anche Pierferdinando Casini, presidente commissione Esteri al Senato, ne ha parlato nelle dichiarazioni di voto finali. Tutti inascoltati. Almeno ufficialmente. 

L'Egitto gioca un ruolo decisivo nella partita geopolitica che passa dalla Libia, e quindi riguarda l'immigrazione, ma anche dalla Siria, e quindi riguarda la guerra a Daesh e alla stabilizzazione della zona. E l'Egitto è anche la cartina di tornasole per leggere le improvvise accelerazioni e dietrofront della Francia di MacronIn Egitto l'Italia non ha rappresentanza diplomatica da marzo 2016, pochi giorni dopo il ritrovamento del corpo di Giulio Regeni e l'inizio di una serie di bugie e depistaggi che nonostante le promesse di collaborazione giudiziaria, hanno impedito finora di trovare mandanti e aguzzini del giovane ricercatore universitario friulano. Il ritiro dell'ambasciatore è stato il segnale inequivocabile della rottura di rapporti diplomatici e politici con al Sisi almeno fino all'individuazione dei responsabili del massacro e delle torture cui è stato sottoposto per una settimana Giulio Regeni.  

E però, poi, in questi sedici mesi la verità non ha fatto molti passi avanti. Nel frattempo il governo di Al Sisi fa blocco con il generale Haftar, il governo di Tobruk in quel della Libia, ed è allineato con la Francia su strategie che riguardano fonti energetiche e non solo. L'Italia, che pure è l'unica ad aver aperto l'ambasciata in Libia, si trova nella curiosa situazione di essere sola, senza ambasciatore e la rete di relazioni che ogni rappresentanza diplomatica si porta dietro, a gestire un tesoro. Nel 2015, infatti, l'Eni ha individuato un giacimento nell'offshore egiziano (Zhorcon un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi di gas. "Un successo esplorativo - spiegano fonti dell'Eni - che offrirà un contributo fondamentale nel soddisfare la domanda egiziana di gas naturale per decenni. Non solo: lo sfruttamento del giacimento potrebbe essere operativo entro la fine dell'anno". Anche questo, un record  di efficienza e la riprova dell'eccellenza Eni. 

I francesi sono completamente fuori da questo business, non senza qualche rammarico. Si completa cosi il paradosso: Italia che cerca di giocare un ruolo esclusivo in Libia,  potrebbe giocarlo in un'area più vasta e certamente strategica sotto tanti punti di vista. Da posizione di forza ci troviamo invece in un quadro di incertezza: l'Eliseo gioca a convocare Haftar e Serraj, annuncia tregue che non esistono, hot spot in terra libica che non sono neppure immaginabili. Anche lo schiaffo sui cantieri STX France ci indebolisce nel Mediterraneo. Il filo diretto Eliseo-Haftar-Cairo completa il quadro. 

Allora è necessario aprire nuovamente e il prima possibile la nostra sede diplomatica al Cairo. Per almeno tre motivi messi in fila in queste settimane dal generale Leonardo Tricarico, che a palazzo Chigi ha ricoperto il ruolo di consigliere militare quando premier era Massimo D'Alema. Uno: "La speranza della verità su Giulio Regeni resta viva solo se sono attivi i canali e l'interlocuzione con il governo del Cairo. Del resto, abbiamo visto che dopo sedici mesi la ritorsione (del ritiro dell'ambasciatore, ndr) non ha prodotto i risultati sperati". Secondo: "L'Egitto ha un ruolo di primo piano nel decidere gli equilibri nel teatro libico e mediorientale.  Non possiamo non avere la sede diplomatica". Terzo e ultimo punto: "A parte il bacino di Zhor, sono un centinaio le aziende che lavorano in Egitto e qualche decina di migliaia gli italiani che vivono lì". Tutti interessi nazionali che devono essere tutelati. Con una sede diplomatica e un ambasciatore.


*Questo articolo è stato pubblicato su Tiscali.it il 3 agosto



Commenti

Post popolari in questo blog

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…