Passa ai contenuti principali

Caso Regeni, Manconi: "Riapriamo l'ambasciata in Egitto ma si attuino misure alternative per avere la verità". Il senatore che guida al Senato la Commissione per i diritti umani rimprovera l'Eni. "In 18 mesi solo una volta parole di vicinanza alla famiglia". La ricucitura diplomatica può passare anche da qua *

Se vogliamo inviare nuovamente il nostro ambasciatore al Cairo, lo si faccia, “non ho pregiudizi sul punto” dice il senatore Luigi Manconi, membro della commissione Difesa e soprattutto presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani. E però, aggiunge subito dopo, “si trovino altri modi per fare pressione sul regime di Al Sisi e sulla procura del Cairo per avere tutta la verità sul massacro di Giulio Regeni”.  Un suggerimento anche l’Eni, il player economico-commerciale più strategico tra Libia e Egitto: l’ad Descalzi trovi il modo di dimostrare interesse e vicinanza al dossier Regeni e alla famiglia

Intervistiamo Luigi Manconi dopo che il dibattito parlamentare sulla nuova missione in Libia ha riportato, come avete letto su Tiscali.it, in primo piano, con urgenza pur tra timidezze e imbarazzi,  il caso della vacanza diplomatica dell’Italia dall’Egitto. Nell’aprile 2016, due mesi dopo il ritrovamento del cadavere del ricercatore universitario Giulio Regeni e nella totale assenza di risposte sul piano dei responsabili di quel massacro, è stato ritirato l’ambasciatore – all’epoca era Massari – come esplicito atto di ritorsione nei confronti del regime di Al Sisi. Da allora, tra mille depistaggi e bugie, pochi passi avanti sono stati fatti sul piano della verità. E non c’è dubbio che l’Italia sia molto esposta in un quadrante – Egitto, Libia, medioriente– dove si stanno giocando partite molto delicate sul piano della sicurezza e degli interessi commerciali sulle fonti energetiche. Vuoti che, ad esempio, potrebbero favorire la Francia e il decisionismo del suo presidente Emmanuel Macron

Manconi parla a titolo personale ma non c’è dubbio che sia stato lui in questi lunghi mesi il punto di riferimento politico non solo per la famiglia ma anche per tutte quelle associazioni, da Amnesty a Antigone a cui va aggiunto un largo fronte sociale,  che lottano per pretendere la verità su quel rapimento, su una settimana di torture e il massacro del giovane ricercatore friulano. 

Senatore Manconi, come giudica l’ipotesi di riaprire l’ambasciata italiana al Cairo?

“Non ho mai avuto alcuna posizione preconcetta su questo argomento. Il dato cruciale però è questo: in questi 18 mesi il richiamo in Italia dell’ambasciatore al Cairo è stato l’unico atto di pressione esercitato dal governo italiano nei confronti del regime di Al Sisi”.

Cosa propone?

“La sola possibilità che venga rivista la decisione assunta dal governo l’8 aprile 2016 è che lo stesso governo elabori, predisponga e attui misure altrettanto efficaci ed incisive del richiamo dell’ambasciatore.  Misure che segnalino che tra Italia ed Egitto non è stata ripristinata la normalità delle relazioni diplomatiche”.

Chiede e suggerisce un’operazione di contesto?

“Se ci si limita a riaprire l’ambasciata, si dichiara la nostra impotenza e la nostra rinuncia a perseguire la verità sul caso Regeni”.

In questi diciotto mesi però non è che l’assenza dell’ambasciatore abbia prodotto chissà quali risultati. Magari, con la sede diplomatica aperta potremmo dare più garanzie anche a chi potrebbe voler collaborare.

“La procura del Cairo ci deve consegnare i file delle telecamere collocate nel luogo dove Regeni è stato rapito e nel luogo dove è stato ritrovato cadavere. Questo impegno è stato più volte ribadito dalle autorità egiziane ma mai mantenuto”.  

“Misure efficaci ed incisive in alternativa al ripristino della sede diplomatica”. Ad esempio?

Ebbi modo di parlarne circa un anno fa con l’allora ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Misure alternative furono essere immaginate nel campo delle relazioni militari tra Italia ed Egitto, in quello dei rapporti universitari, della cultura e dello sport, ma anche nel campo del turismo e dei rapporti commerciali. Non una di queste misure è stata avviata e attuata. Se apriamo nuovamente ambasciata senza alcuna misura alternativa, comunichiamo che tutto è risolto. In questo modo regime e procura egiziana continueranno a mortificarci”. 

Senatore, lei sa bene che in questo momento la situazione nel quadrante Libia-Egitto-Turchia e Siria è molto in movimento, sotto tanti punti di vista. L’Italia rischia di restare isolata e fuori dai giochi? 

“Ripeto, personalmente non ho nulla in contrario all’invio del nostro ambasciatore. Si attuino però misure alternative. E’ in gioco il rispetto dei diritti di una famiglia e di tutto il paese”. 

Nel 2015 Eni ha scoperto nel mare davanti all’Egitto il più grosso giacimento di gas del Mediterraneo. Il valore stimato è di circa 850 miliardi. La Francia è fuori da questa operazione. Non crede che sarebbe giusto dare alla nostra compagnia l’appoggio necessario?

“Rilevo questo: in diciotto mesi solo in un’occasione ci sono state parole di vicinanza tra i vertici dell’Eni e la famiglia Regeni”.


* questa intervista è stata pubblicata su Tiscali.it il 4 agosto

Commenti

Post popolari in questo blog

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

Ecco perchè il processo penale sarà più breve. E la prescrizione molto più lunga

Ecco in pillole di cosa tratta la riforma del processo penale che arriva al via libera definitivo stasera dopo tre anni di iter parlamentare.  come scrivevo nel post di ieri, non piace nè agli avvocati nè ai magistrati. e pochi scommettevano fino alla scorsa settimana che sarebbe mai diventata legge dello stato. "Oggi sono contento" ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando dopo aver incassato la fiducia. Anche dei centristi di alfano che hanno sperato fino a stamani di far saltare il tavolo. Negli 85 commi dell'unico articolo (per via della fiducia) c'è anche la delega per le intercettazioni. entro tre mesi saranno fornite le nuove regole sulla pubblicazione delle intercettazioni che restano strumento principe per gli investigatori.  

Estinzione reato per condotte riparatorie. Nei reati procedibili a querela (remissibile) il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ripara interamente il danno mediante restituz…