Passa ai contenuti principali

Sabella sulla sentenza su Mafia Capitale:"Il vero sconfitto in questa storia è il cittadino. La giunta Marino stava completando un lavoro che avrebbe fatto ripartire la città. Leggerò con attenzione le motivazioni: la Cassazione aveva già detto che quella di Buzzi e Carminati era un'associazione mafiosa"

Ha combattuto Cosa Nostra. Ha firmato i provvedimenti di arresto per i boss Brusca e Bagarella. È stato pm antimafia ma anche assessore alla legalità in quel comune di Roma  disastrato dagli arresti di Mafia Capitale. L'allora sindaco Ignazio Marino lo chiamò dopo il 3 dicembre 2014, il giorno degli arresti, per affidargli la macchina della città. Una macchina corrotta o, nel migliore dei casi, incapace di funzionare. Finita quell'esperienza che ancora definisce "indimenticabile" e purtroppo  "incompiuta", il giudice Alfonso Sabella è forse la persona che oggi ha il punto di vista più completo, giudiziario e politico, sulla vicenda Mafia Capitale. 

Dottor Sabella, i giudici di Roma hanno detto che Mafia capitale è un'associazione di criminali corruttori ma non è mafia. E però quell’inchiesta ha nei fatti chiuso la stagione di Ignazio Marino in Campidoglio e anche la sua come assessore alla Legalità di quella giunta. Qualche rammarico? 

"Uno, soprattutto: in quei dieci mesi da assessore in Campidoglio non sono riuscito a far funzionare la macchina amministrativa come avrei voluto e a renderla meno scalabile da parte  dai gruppi criminali. Purtroppo tutto il lavoro fatto e impostato dal mio ufficio è stato buttato alle ortiche per le dimissioni forzate di Marino".

Che tipo di lavoro? 

"Ancora oggi non c’è una centrale unica di committenza, fondamentale per evitare i  fenomeni corruttivi. Anche il sistema dei controlli è rimasto tale e quale a quello in voga ai tempi Alemanno (a processo per corruzione) quando pare che tutto abbia avuto inizio. Non è stato fatto il regolamento con le regole d'ingaggio per le cooperative sociali, il regolamento per i beni confiscati, il protocollo di vigilanza collaborativa con l'Anac. Posso continuare?"

Prego 

"Non è stata istituita la white list con le aziende virtuose. E neppure gli accordi quadro per le gare a evidenza pubblica che ancora oggi sono spezzettate in microlotti o in lotti per pochi euro sotto la soglia minima. Se vuole continuo. Il concetto è che la giunta Marino, quella che si è formata dopo gli arresti di mafia capitale, aveva fatto un gran lavoro, mancava solo l'ok del consiglio comunale, ancora un paio di mesi di lavoro e avremmo avviato un nuovo modo di lavorare in Campidoglio. Dopo di noi è stato tutto abbandonato".

Marino costretto alle dimissioni dal Pd, l'arrivo del commissario, il voto anticipato e la vittoria dei 5 Stelle.

"Le cose che ho elencato non sono state fatte. Del resto, la città è bloccata, basta fare due passi in centro. Non mi pronuncio sull'evoluzione politica di quella crisi".

L’associazione Buzzi-Carminati è stata di stampo mafioso?

"Non posso entrare nel merito della sentenza. Dal punto di vista giuridico sono molto interessato a leggere le motivazioni. I giudici hanno riconosciuto un’associazione criminale finalizzata anche alla corruzione. La sfida giuridica della procura di Roma era capire se era possibile ricondurla nello schema del 416 bis (l'associazione mafiosa) pur trattandosi di un unicum in quanto era un’associazione che non aveva il controllo del territorio a differenza delle mafie tradizionali. Leggeremo le motivazioni. Sono abbastanza certo che i colleghi faranno appello. Anche perché la Cassazione si è già espressa (giugno 2015, ndr) dicendo che gli elementi raccolti configuravano l'associazione mafiosa. Comunque, se questo è interessante per me come giurista, non lo è affatto per il cittadino romano. L’unico vero sconfitto di questa storia".

Cioè, mafia o non mafia il risultato non cambia? 

"Esatto, perché questa sentenza - con condanne così pesanti e, nella sostanza, il riconoscimento della bontà dell’impianto accusatorio di un'indagine che è corretto definire straordinaria - ha dimostrato la fragilità e la scalabilità della struttura amministrativa romana. E ha dimostrato  come per anni l'interesse pubblico sia stato piegato a quello privato"

Crede che quell’indagine abbia nei fatti aperto la strada ai 5 Stelle alla guida della città?

"Non faccio valutazioni politiche. Certo l'inchiesta ha messo in luce la carenze di un vecchio sistema politico-amministrativo. E devo dare atto che quelle criticità c'erano tutte, frutto di una burocrazia incapace o, peggio, corrotta"

Nella Capitale gli affidamenti dei lavori e degli appalti o vengono rinnovati senza gare come ai tempi di Buzzi e Carminati. O non si fanno per nulla e la città si blocca, come sta accadendo adesso. Questa è la morale di questa storia. Come è da dove può ripartire una città come Roma?

"Facendo investimenti  e programmazione degli investimenti. Quando, nel gennaio 2015, appena insediato, ho dettato la direttiva di emergenza, il punto chiave era proprio questo: rilanciare gli investimenti obbligando però a fare la programmazione  tempestiva della spesa, ad istituire strutture di controllo sui contratti, ricorrendo ai meccanismi degli accordi quadro ed evitando di lavorare, come invece fanno, in emergenza. Tappare quattro buche nelle strade con appalti semestrali, non è la soluzione del problema. Anzi, crea dispendio di soldi ed energie. Questi vale per le strade e per il verde pubblico. Basta fare un giro per Roma per capire di cosa parlo".

 Lei è stato in Campidoglio più di un anno. Ha notato metodi mafiosi? 

"No, non li ho trovati. Quella che veniva considerata mafia era stata già cacciata. Ho trovato invece tanta corruzione. Ancora ieri è stato arrestato un dirigente del Campidoglio (Fabio Tancredi, ndr) sulla base di una mia denuncia. Voglio dire che Marino aveva messo su una squadra che avrebbe rimesso in riga e in funzione la Capitale d'Italia. Non mi pare sia successo dopo".

 La corruzione è la nuova arma di infiltrazione delle mafie. E’ d’accordo?

"Indubbiamente. Ho sempre detto che è più conveniente pagare mazzette che usare kalashnikov,. Nella mia carriera posso dire di aver incontrato la mafia che sparava allo Stato dopo averci convissuto, la mafia che ha trattato con lo Stato e ora le mafie  che comprano lo Stato"

 Il professor Flick, ex ministro della Giustizia e presidente emerito della Consulta, intervistato da Tiscalinews, ha detto che “l’eccesso di leggi e norme rischia di produrre corruzione". Cosa ne pensa?

"Sono d’accordo. Occorre una semplificazione normativa. Poche norme ma soprattutto occorre lavorare su uomini e soggetti. È meglio una cattiva legge applicata da una persona competente e onesta piuttosto che una buona legge applicata da disonesti".

*questa intervista è stata pubblicata su www.tiscali.it venerdì 21 luglio 



Inviato da iPad

Commenti

Post popolari in questo blog

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…