Passa ai contenuti principali

Borsellino, 25 anni dopo le figlie denunciano: "Chi depistò l'indagine?" Tra la pubblica accusa di quel primo grado sbagliato c'era un giovane Nino Di Matteo, in futuro il pm della trattativa Stato- mafia*

Il presidente Sergio Mattarella lo dice nel luogo più istituzionale, mentre presiede il plenum del Csm dedicato alla commemorazione di Paolo Borsellino. “Le indagini su quella strage sono state segnate da troppe incertezze ed errori. Ancora oggi tanti sono gli interrogativi sul percorso per assicurare alla giusta condanna i responsabili di quel delitto”. Giovanni Canzio, presidente della Cassazione e il primo magistrato d’Italia, aggiunge altro: “Gli organi dello Stato hanno il dovere morale di accertare e far conoscere alla comunità da chi e perché dopo la strage di via d’Amelio fu costruita una falsa verità giudiziaria, i motivi di un così clamoroso e indegno depistaggio pure nella acquisita certezza probatoria che fu Cosa Nostra a ideare ed eseguire il crimine”. E poi  il vicepresidente Legnini, il togato Luca Palamara che ha curato la pubblicazione del volume con i verbali e le denunce di Borsellino davanti ai colleghi del Csm, Luca Forteleoni e Aldo  Morgigni che hanno redatto i capitoli più difficili. Soprattutto loro, Lucia e Fiammetta, le figlie di Paolo Borsellino. Lucia, la più grande, è ospite nell’aula Bachelet e al presidente Mattarella e al Csm riunito chiede, tra l’emozione, che “a fronte delle anomalie emerse nel comportamento di uomini delle istituzioni nel corso delle indagini si intraprendano le iniziative per fare luce su cosa è accaduto”. Fiammetta, invece, è a Palermo, davanti alla Commissione antimafia, a cui consegna in chiaro il messaggio più volte bisbigliato tra gli addetti ai lavori ma mai denunciato in sedi istituzionali: “E’un dovere e un obbligo morale delle istituzioni indagare sui depistaggi di quell’inchiesta dopo che la sentenza Borsellino quater (aprile 2017) parla di induzione alla calunnia (nei confronti del primo e falso pentito Scarantino che ha tenuto lontana la verità dal 1993 al 2008, ndr)”. 

“Tinebra, un procuratore massonico”

Le figlie del giudice si muovono insieme (non può farlo il fratello, Manfredi, stimato dirigente della polizia di stato) e completano, a margine, il significato delle loro parole: un balordo del rione della Guadagna, Vincenzo Scarantino, scambiatoper lunghi quindici anni per un boss mafioso e terribile stragista dal gruppo più esperto degli investigatori dell’epoca e da numerosi magistrati come Annamaria Palma, Carmelo Petralia e Nino Di Matteo guidati “da un procuratore massonico come Gianni Tinebra”. Allora erano la giovane pubblica accusa nel primo processo Borsellino, che, quattro processi dopo, è corretto dire che fu raggirata da prove fasulle e menzogne varie che si portano tuttora dietro una lunga scia di misteri. Lucia e Fiammetta ne citano solo qualcuno, i più evidenti: perché, nonostante Capaci e l’allarme altissimo su Paolo Borsellino, non fu vietata la sosta delle auto e una 126 imbottita di tritolo potette restare parcheggiata in via d’Amelio? Perché, in quei 58 giorni tra Capaci e D’Amelio, Paolo Borsellino non fu mai sentito da alcuna Procura? Perché l’attesa delega a seguire le inchieste su mafia-appalti-colletti bianchi gli arrivò con una telefonata dell’allora procuratore la mattina di quel 19 luglio?

“Basta retorica, ora servono i fatti”

Ora, il senso della giornata, al di là delle emozioni, dei documenti importantissimi che il vicepresidente Legnini ha liberato dagli archivi del Csm ordinandone la pubblicazione on line (www.csm.it), sta proprio nella chiarezza della denuncia di Mattarella, Canzio e del procuratore nazionale antimafia Franco Roberti. E nel dito puntato delle figlie su quel primo gruppo di magistrati che istruì il processo Borsellino. La domanda è: perché quei pm, Di Matteo, Petralia e Palma, per quanto giovani e forse inesperti di cose di mafia, seppure alle dipendenze di un procuratore – Tinebra – di cui in seguito sono state ipotizzate consuetudine con associazioni massoniche, non hanno ritenuto necessario approfondire quello che già si diceva del pentito chiave Scarantino? “Le figlie hanno detto chiaramente oggi cosa dobbiamo fare, noi come Csm e anche la magistratura inquirente” commenta un membro togato mentre la solenne seduta si scioglie. Fiammetta ha consegnato alla Commissione antimafia alcuni atti ci cui peraltro la Commissione è già in possesso: la lettera di 12 pagine con cui nel 1994 due magistrati, Ilda Boccassini e Roberto Sajeva elencarono i punti per cui Scarantino non era attendibile. Scrissero ai procuratori di Caltanissetta (Tinebra) e Palermo (Caselli) che erano necessarie e urgenti una lunga serie di verifiche. Nel dibattimento del Borsellino quater, Boccassini ha confermato tempi, modi e contenuti della missiva. “Io però tornai a Milano e non seppi più nulla”. Tinebra, nello stesso dibattimento, disse di non ricordare di averla ricevuta. Il procuratore è morto due mesi fa. E anche altri testimoni importanti, come il superpoliziotto Arnaldo La Barbera che guidava il pool degli investigatori.

Il paradosso

Tra i tanti, c’è un paradosso più incredibile degli altri in questa giornata che mette in fila sussurri e ipotesi: Nino Di Matteo è diventato poi il pm simbolo dell’antimafia e del processo sulla trattativa Stato-mafia, un accordo per mettere fine alle stragi che è già stato riconosciuto in altre sentenze e di cui il processo in corso a Palermo cerca i protagonisti ( tra gli imputati politici e investigatori). Quel Di Matteo che il Movimento 5 Stelle vorrebbe proprio alla guida del ministero dell’Interno. E che alle figlie di Borsellino ha voluto rispondere subito. "Io so e tanti sanno fuori e dentro la mafia e fuori e dentro le istituzioni, chi in questi anni ha continuato a cercare la verità sulla strage e si è esposto e ha esposto la propria famiglia a rischi gravissimisacrificando la propria libertà e anche la carriera”. Il punto è che nessuno mette in dubbio l’azione di Di Matteo. Quello che gli viene chiesto, semmai, è di ricordare come fu possibile, all’epoca, un così totale e colossale raggiro.*

*questo articolo è uscito su Tiscali il 19 luglio 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

Ecco perchè il processo penale sarà più breve. E la prescrizione molto più lunga

Ecco in pillole di cosa tratta la riforma del processo penale che arriva al via libera definitivo stasera dopo tre anni di iter parlamentare.  come scrivevo nel post di ieri, non piace nè agli avvocati nè ai magistrati. e pochi scommettevano fino alla scorsa settimana che sarebbe mai diventata legge dello stato. "Oggi sono contento" ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando dopo aver incassato la fiducia. Anche dei centristi di alfano che hanno sperato fino a stamani di far saltare il tavolo. Negli 85 commi dell'unico articolo (per via della fiducia) c'è anche la delega per le intercettazioni. entro tre mesi saranno fornite le nuove regole sulla pubblicazione delle intercettazioni che restano strumento principe per gli investigatori.  

Estinzione reato per condotte riparatorie. Nei reati procedibili a querela (remissibile) il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ripara interamente il danno mediante restituz…