Passa ai contenuti principali

Biffoni, n.2 dell'Anci e responsabile immigrazione: "Bene Berlusconi, i migranti un problema per tutti e da affrontare insieme. Cosa ne dicono i suoi? Se è un bluff, lo capiremo subito"

L'offerta di Silvio Berlusconi per fare un tavolo di unità nazionale sull'immigrazione è "un grande passo avanti. Dimostra che finalmente si è compreso che il dossier immigrazione non può essere argomento di propaganda e di ricerca di consenso in campagna elettorale. Resta da capire - e non è un dettaglio- a chi parla il presidente di Forza Italia visto che prima di tutto dovrebbe parlare ai suoi e ai suoi alleati"..

 Matteo Biffoni è il vicepresidente dell'Anci, l'associazione che raccoglie tutti gli ottomila comuni d'Italia, con delega all'immigrazione. È anche sindaco di Prato, comune che aderisce al piano di accoglienza di diffusa, e Matteo Renzi gli ha rinnovato da pochi giorni la delega nel partito all'immigrazione. È dunque l'interlocutore più qualificato, nel Pd e nell'Anci, per ragionare sulla proposta del presidente di Forza Italia lanciata sabato nell'intervista a Tiscali.it.


Biffoni, Berlusconi mette a disposizione "esperienza e conoscenza del suo partito" per affrontare tutti insieme il dossier immigrazione. Cosa risponde?

"È un grosso passo avanti. Finalmente una grande forza politica esterna alla maggioranza di governo inquadra il fenomeno migratorio come un fatto epocale, dai confini quasi biblici, e non come un osso su cui sbranarsi, fare facciale propaganda  e cercare consenso politico. È una grande notizia, quindi. A patto che non sia un bluff".


In che senso un bluff?

"Nel senso che alla proposta devono seguire ora passi concreti".


Cosa intende?

"Vorrei capire per conto di chi parla Berlusconi. Per essere più chiari se elementi di spicco di Forza Italia e soprattutto della Lega accolgono la sfida di responsabilità proposta dal presidente di Forza Italia".


Quale sarebbe la prova del 9, la verifica che non si tratta di un bluff?

"Berlusconi dovrebbe farsi portavoce verso gli amministratori locali di Forza Italia e Lega creando le condizioni perché aderiscano al sistema di accoglienza diffusa proposto dall'Anci. Cioè piccoli gruppi in ogni comune, circa tre immigrati per ogni mille abitanti. Solo così possiamo portare avanti un piano di integrazione per i migranti".


I sindaci, lei lo sa bene, sono spaventati. Vedono un fiume, il flusso dei migranti,  in sola entrata e mai in uscita. Temono che dire si al piano Sprar significhi poi trovarsi, cito, "sovrastati da un numero di arrivi non più gestibile". Cosa dice a questi suoi colleghi? 

"Il governo sta facendo di tutto per rallentare l'arrivo dei flussi. Ci sta provando - patti con la Libia, incontri con i sindaci libici, addestramento della guardia costiera libica, cooperazione internazionale e migration compact  in Niger e nei paesi africani di transito e di partenza dei flussi -  e sono sicuro che otterrà presto dei risultati. Tutti i sindaci, e io mi metto in prima fila, sono preoccupati, non siamo un pozzo senza fondo e lo stiamo dicendo al governo. Ma non è che chiudendo un comune, così come alzando i muri, si ferma il fenomeno. Anche i comuni che dicono no al piano ANCI poi devono fare i conti con le direttive del governo e dei prefetti. Se invece anche i cinquemila sindaci  che oggi dicono no al piano ANCI dimostrassero collaborazione, sarebbe una saggia condivisone di un problema comune".


Un po' come il tavolo di unità nazionale...

"Esatto. Quello che deve essere compreso è che il dossier immigrazione è oggi tavolo del governo. Ma lo sarà anche domani. Cioè, condivide adesso problema e soluzioni è nell'interesse di tutti. Soprattutto del cittadino in questo caso nè di destra nè di sinistra".


Qualcuno potrebbe avanzare l'idea che un tavolo di unità nazionale oggi è un po' l'ammissione di un fallimento...

"No, è mettere davanti a tutto l'interesse dei cittadini e chiarire che chiunque governi, oggi o domani, ha davanti a sè un fenomeno epocale. Togliere l'immigrazione dal supermercato del consenso politico è un atto di responsabilità".


Berlusconi però, in quell'intervista, accusa il Pd di una serie di errori...cosa risponde?

"Ecco, dare un resoconto corretto dei fatti sarebbe già un ottimo punto di partenza per questo auspicabile tavolo. A cominciare dai numeri per finire con la missione Triton: eravamo e siamo tutti  d'accordo che dobbiamo salvare persone, lo dice anche Berlusconi. Nel 2013 C'era la missione Mare Nostrum che costava all'Italia 100 milioni al mese. Non potevano più andare avanti. La cambiammo con Triton, distribuendo la spesa dei salvataggi tra tutti i paesi UE. Accettammo gli sbarchi solo perché in cambio ci doveva essere la distribuzione in Europa. E poi si dovrebbe raccontare la vera storia dell'accordo di Dublino...Ecco, facciamolo il Tavolo, guardiamo al futuro partendo da una giusta narrazione del passato. Qui, c'è un solo grande imputato: l'Europa".

 


Commenti

Post popolari in questo blog

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

Ecco perchè il processo penale sarà più breve. E la prescrizione molto più lunga

Ecco in pillole di cosa tratta la riforma del processo penale che arriva al via libera definitivo stasera dopo tre anni di iter parlamentare.  come scrivevo nel post di ieri, non piace nè agli avvocati nè ai magistrati. e pochi scommettevano fino alla scorsa settimana che sarebbe mai diventata legge dello stato. "Oggi sono contento" ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando dopo aver incassato la fiducia. Anche dei centristi di alfano che hanno sperato fino a stamani di far saltare il tavolo. Negli 85 commi dell'unico articolo (per via della fiducia) c'è anche la delega per le intercettazioni. entro tre mesi saranno fornite le nuove regole sulla pubblicazione delle intercettazioni che restano strumento principe per gli investigatori.  

Estinzione reato per condotte riparatorie. Nei reati procedibili a querela (remissibile) il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l’imputato ripara interamente il danno mediante restituz…