Passa ai contenuti principali

Storia di Youssef, da ragazzino immaturo a terrorista. Nonostante la "terapia coranica"


 

La storia di Youssef Zaghba, classe ’95, mamma italiana e babbo marocchino, è una di quelle che spiega perché è praticamente impossibile prevenire gli attentati di matrice islamista. Almeno quelli fai-da-te. E spiega anche perchè è quanto meno troppo semplicistico parlare di buchi nell’intelligence inglese.

 

Il giovane Youssef entra nei radar della polizia italiana a marzo 2016, all’aeroporto di Bologna. Quel giorno il giovanotto ha in mano un biglietto di sola andata per Istanbul e uno zainetto. Due elementi che sommati fanno scattare nel nostro antiterrorismo immediato segnale di pericolo. Figuriamoci quando il ragazzo ammette candido agli agenti della Polaria: “Dove vado? Vado a fare il terrorista”. Racconta una fonte del nostro antiterrorismo che da 24 ore maneggia il dossier Zaghba: “Il ragazzo si rende conto di aver detto una stupidaggine e si corregge subito dopo con un buon italiano dicendo che no, che andava a fare il turista”.  Ce n’è quanto basta per intelligence e anti terrorismo per mettere Youssef nella lista degli “attenzionati” . Nel telefonino ha, anche lui, materiale vario su Isis, Daesh, guerra santa e guerra ai crociati. Ma nonostante la denuncia per il 270 bis (terrorismo internazionale), il giudice italiano ritiene Youssef “persona nei cui confronti non sussistono al momento indizi concordanti e sufficienti per condannarlo”. Anzi, lo stesso giudice bolognese, confortato anche dai racconti di mamma Valeria Khadima Collina,  tende a dare retta a ciò che dice la madre quando parla di quel “figlio amatissimo ma molto immaturo che abbiamo anche cercato di curare sottoponendolo ad una terapia coranica che gli insegnasse la vera parola del Profeta”.


Va raccontata, allora, la parabola di Youssef, da scemetto immaturo che agli agenti italiani dice “io vado a fare il terrorista” a kamikaze che si lancia sulla folla del sabato sera a Borough market di Londra armato di coltello e finisce sparato a terra dalla forze speciali.


Mamma Valeria è una signora della provincia di Bologna (Valsamoggia) che da ragazza s’innamora di un ragazzo marocchino venuto a lavorare in Italia, si converte e vanno insieme a vivere in Marocco. Mohammed, il padre, è un tabligheddawa, un predicatore islamico “devoto osservante” ma, si assicura, “né radicale né integralista”. Comunque sia troppo severo e rigido se anche mamma Valeria un paio d’anni fa decide non di rinnegare la fede islamica ma il marito e se ne torna in Italia, a Bologna.  

Youssef è una ragazzino che dà problemi. “Immaturo”, è la parola più semplice che la mamma usa nel descriverlo alla polizia quando martedì sera l’ha contattata per comunicare che fine aveva fatto il figlio. “Facilmente influenzabile” aggiunge “ma né in Marocco né in Italia s’era mai fatto trascinare da amicizie sbagliate”. E’ successo “tutto a Londra”, è sicura mamma Valeria, e solo per colpa del web. Ogni tanto mi mostrava qualche video sulla Siriaper lui era un luogo dove si poteva vivere diventando qualcuno, era motivo di orgoglio. Ho cercato di fargli cambiare idea…”. D’accordo anche con il padre, quando ancora vivevano in Marococ, i genitori sottopongono  Youssef  “ad una terapia coranica che avrebbe dovuto spiegargli cosa è il vero Islam. 

La terapia, a quanto pare, non funziona. Quando mamma Valeria lascia marito e Marocco, anche quel figlio “immaturo” scappa a gambe levate dal padre e dalla terapie coraniche. E va a Londra dove trova lavoro come cameriere. 

Dopo il primo arresto nel marzo 2016, Youssef torna in Italia altre due volte. Viene seguito dalla polizia in ogni suo spostamento. Il dossier è da subito condiviso con Londra e MI5Per gli archivi italiani non è un “foreign fighter” perché tecnicamente non ha mai raggiunto la Siria e quindi non ne ha fatto ritorno. E’ però un cittadino con doppia cittadinanza italo-marocchina, come tale ha un passaporto che gli consente d muoversi con grande libertà in Europa e viene inserito nella lista degli attenzionati. In Gran Bretagna sono tremila. In Italia “meno di un migliaio”. Ma, insiste la fonte dell’antiterrorismo, “il più pericoloso dei nostri non sta neppure nelle liste dell’antiterrorismo inglese”. Che dal 7 luglio 2005 hanno il problema gigantesco di non riuscire a monitorare tutti gli attenzionati – almeno tremila - la cui lista va aggiornata in continuazione.


 Se Youssef era un balordo per noi, per MI5 il suo profilo era troppo basso per essere ritenuto pericoloso. Eccola qua l’arma più subdola dell’Islamic state: un balordo che tutti, anche i suoi genitori, consideravano  “solo molto immaturo”; due amici di recente radicalizzazione, coltelli a lama lunga e un furgone a noleggio sono più che sufficienti per scatenare l’inferno. Il minimo investimento per il massimo dei risultati. “Quando è così – dice la nostra fonte – ti va bene se li prendi. Dopo però, quando hanno agito”. Ecco perché è  facile parlare di buchi nella rete dell’intelligence.

Commenti

Post popolari in questo blog

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…