Passa ai contenuti principali

La vittoria del "candidato tigre" nel centrodestra che il giorno dopo litiga già

Uniti si vince. Ma un attimo dopo si ricomincia a litigare. Il giorno dopo la vittoria delle amministrative 2017 («il centrodestra è la prima area politica del paese, da nord a sud, avendo conquistato 79 comuni di cui 16 capoluoghi, quasi tutti strappati al centrosinistra» è l'analisi di Gregorio Fontana, responsabile organizzazione di Forza Italia), i leader del centrodestra fanno conferenze stampa e comunicati e tornano subito a galla le differenze. Matteo Salvini parla con i giornalisti in via Bellerio, sede della Lega, per comunicare, «oltre l'emozione e la soddisfazione», che «ora basta strizzare l'occhio a Renzi», che serve una legge elettorale di tipo «maggioritario» e che lui comunque, vero mattatore della campagna elettorale «con ben 200 comizi in giro per l'Italia», se servirà farà «un passo indietro per la leadership» e non sarà certoquello che «s'incaponisce con le primarie visto che le ha chieste 18 volte e per 18 volte Berlusconi gli ha detto di no». Tre su tre chiare punzecchiature al Cavaliere.


Appena spenge i microfoni Salvini, li accende a Roma Giorgia Meloni che nella sede di Fratelli d'Italia a Roma, nell'euforia per il primo sindaco eletto (nella ex rossa Pistoia), chiarisce un punto: «La moderazione in politica non esiste più». Così, netta come una lama di coltello.


A questa affermazione risponde Silvio Berlusconi con un comunicato diffuso alle agenzie nel primo pomeriggio. Parla di «trionfo dei moderati», di un centrodestra che è «prima coalizione politica del paese e vince presentando candidati credibili, un programma concreto di cose da fare, la serietà nel linguaggio». E annuncia «la sfida per tornare alla guida del paese sulla base di un programma condiviso e con una coalizione fra forze politiche diverse, caratterizzata da un chiaro profilo liberale, moderato, basato su radici cristiane, secondo il modello di centro-destra vincente in tutt'Europa e oggi anche in Italia». Messaggi che mettono fuori gioco «le ruspe» di Salvini che replica definendosi «moderato e liberale che però nel 2017 sono categorie dello spirito».


Il giorno della vittoria diventa quindi, subito, il giorno dei puntini sulle “i” dove si fa a gara per stabilire chi ha vinto veramente nel centrodestra. Forza Italia mette in tasca 124 consiglieri comunali, la Lega Nord 80, Fratelli d’Italia 50, mentre 337 – la maggioranza, quindi - sono andati a liste civiche dell’area di centrodestra. La Lega fa i conti sui numeri assoluti e rivendica di avere preso più voti. 


Neanche il tempo di festeggiare e torna già il grande freddo. Specie tra Berlusconi e Salvini. Con Toti a fare il ponte di collegamento e mai come adesso nel ruolo di federatore e rammendatore. Depositario unico di quel metodo Toti che sembra chissà cosa ma è solo l'antica, vecchia, colladuatissima alleanza.


A trazione leghista o forzista, il centrodestra ha conquistato 76 comuni su 111 in palio. Per capire quale sia veramente la trazione portante, occorre analizzare le tipologie dei nuovi sindaci. Che, da Catanzaro a Padova per finire a Gorizia e Pistoia, hanno avuto tutti la bollinatura del Cavaliere che li avrebbe selezionati in base al principio del “candidato tigre”: l'uomo giusto al posto giusto, che sa capitalizzare il massimo in quel territorio.


Il «candidato tigre» risponde a tre categorie. E tra queste non c'è l'età bensì la capacità di empatia con la popolazione. C'è la società civile: è il caso di Genova dove Marco Bucci è un manager con esperienza all'estero dove è stato presidente di Carestream Health Inc. a Rochester (Usa), vicepresidente di SGS a Ginevra, Ceo in Eastman Kodak Company tra Genova e New York, giusto per citare i più importanti. Nel 2015 Toti lo volle alla guida di Liguria digitale e da lì è iniziato il suo percorso politico. Pierluigi Peracchini, che a La Spezia ha sconfitto il centrosinistra, è un affermato sindacalista della Cisl. A Como ha vinto Mario Landriscina, che nella vita fa il medico del 118.


Un'altra categoria selezionata è quella del Forza Italia purosangue. Qui, magari, i risultati sono andati ben oltre le aspettative. Fatto sta che la fedeltà a Forza Italia ha pagato al momento della candidatura e, poi, per il consenso. È la storia di Sesto San Giovanni dove il 36enne Roberto Di Stefano ha sbancato l'unica vera Stalingrado d'Italia. E dire che quando, negli ultimi anni, Di Stefano è stato corteggiato da altre parti politiche, il giovanotto è rimasto lì, al suo posto, ad aspettare con pazienza il suo turno. Si dice che Berlusconi abbia apprezzato molto. A Como ha stravinto Dario Allevi, un usato sicuro su cui però non troppi avrebbero scommesso. E così a Catanzaro, a Gorizia e a Piacenza dove Patrizia Barbieri ha sconfitto al ballottaggio il candidato del Pd che ha perso cinque comuni su cinque al voto in Emilia Romagna. Mai successo in una una tornata elettorale.


Ci sono poi i candidati sindaci leghisti, anche loro rigorosamente selezionati da Berlusconi. Condividono una caratteristica: non sono urlatori. Una su tutti: Sara Casanova, 40 anni, architetto, il nuovo sindaco di Lodi. Così come, invece, il barricadero Bitonci non è passato a Padova.

Offre un'altra lezione, questo voto: nella coalizione di centrodestra non sembra esserci posto per i cespugli. Gli uomini di Fitto sono stati respinti con perdita in Puglia. Così come risultano “non pervenuti” i candidati di Parisi.


Allora, in questo dopo vittoria pieno di distinguo, al centrodestra non resta che ripartire dalla legge elettorale. Salvini punta ad un sistema maggioritario. Ma, probabilmente dal Senato, Berlusconi terrà il punto sul proporzionale. 

Commenti

Post popolari in questo blog

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…