Passa ai contenuti principali

Ecco come il fattore «I»come immigrazione ha pesato sui risultati delle amministrative*


Sull'immigrazione «la sinistra continua a diffondere un messaggio buonista. Per tantissimo tempo ha semplicemente negato il problema e in parte continua a farlo». Lo ha scritto nei giorni scorsi il sociologo Luca Ricolfi, uomo certamente di sinistra che però da tempo striglia il Pd per come sta gestendo la questione immigrazione. La minaccia di «non far più sbarcare navi straniere nei porti italiani» messa sul tavolo dal premier Gentiloni e dal ministro Minniti, è la mossa disperata, tardiva, dolorosa ma necessaria di fronte al menefreghismo dell'Europa, che intende anche rispondere non solo alla dura analisi di Ricolfi ma alla debacle delle amministrative. Emerge, infatti, quasi un rapporto di causa-effetto tra questione immigrazione e vittoria delle destre nel voto di domenica scorsa. Dimostrabile in modo quasi empirico. L'analisi circola a Palazzo Chigi. E bisogna farci i conti.
Il 35,4% degli oltre ottomila comuni italiani ha sottoscritto il patto dell'Anci circa l'accoglienza di profughi e migranti secondo i criteri del modello Sprar, tre migranti ogni mille abitanti. Ben 380 comuni accoglienti (della fetta cioè del 34,5%) è stata al voto tra l'11 e il 25 giugno. In Lombardia ce ne sono ben 55 di cui tre capoluoghi di provincia: Como Lodi e Monza. Tutti e tre sono passati da amministrazioni di centrosinistra a maggioranze di centrodestra: il medico Mario Landriscina ha vinto a Como; l'architetto Sara Casanova a Lodi; Dario Allevi a Monza.

Emblematico il caso di Sesto San Giovanni che non è capoluogo ma era certamente una roccaforte rossa. Qui la ex sindaca Monica Chittò (Pd) è stata pesantemente minacciata per il via libera alla costruzione della nuova moschea in una città dove ormai il 17% degli abitanti è di origine straniera. Ha vinto il centrodestra con un candidato giovane, Roberto Di Stefano, 36 anni, che ha insistito su un punto soprattutto: no alla moschea. La Lombardia è la regione che ospita più migranti, il 13 per cento dei circa 200 mila sbarcati e ospitati.

Anche la Toscana è regione accogliente: ospita il 7% dei migranti arrivati. Su tre città capoluogo, Lucca ha resistito a sinistra, Pistoia è stata conquistata dopo decenni da Fratelli d'Italia e Carrara, un'altra roccaforte rossa, è stata conquistata dai 5 Stelle.

Peggio di tutti, per il centrosinistra, è andata la Emilia Romagna che ospita l'8% dei migranti sbarcati: sei i comuni al voto di cui due città capoluogo. Bene: tranne Parma che è rimasta a Pizzarotti, ex 5 Stelle idealmente a sinistra, e Comacchio dove l'ex 5 Stelle Marco Fabbri è rimasto al comando, tutti gli altri sono andati al centrodestra. La sinistra ha perso Piacenza dopo 15 anni; Budrio, che da mesi dà la caccia al killer omicida Igor, sarà governata da Mauro Mazzanti, a capo di liste civiche che guardano a destra; Riccione dove ha trionfato la civica Renata Tosi che ha raccolto con sé Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia; Vignola dove ha trionfato il civico-destro Simone Pelloni (LN, Fi).

In controtendenza, si potrebbe dire, vanno Liguria e Puglia, dove la percentuale dell'accoglienza equivale al 3 e al 7 per cento: la prima è andata al centrodestra, la seconda al centrosinistra.

Dunque il rapporto causa-effetto tra immigrazione e vittorie delle destre non è sempre valido. Ma tra i disagi veri e quelli strumentalizzati, la percezione tra i cittadini è che il centrosinistra sta subendo il fenomeno migratorio. La cagnara sullo ius soli, che nulla c'entra con l'immigrazione, ha fatto il resto. Il 54 per cento degli italiani è contrario. Averlo portato in aula a cavallo dei ballottaggi è stata una sfida coraggiosa.

*questo articolo è stato pubblicato sul sito di news Tiscali.it  il 29 giugno 2016

Commenti

Post popolari in questo blog

LIVORNO, IL SINDACO 5STELLE ACCUSA: "LA REGIONE HA SOTTOVALUTATO IL PERICOLO". MA LUI NON HA AVVISATO I SUOI CONCITTADINI I tre rii di Livorno, Ugione, Maggiore e Ardenza, la causa della tragedia. La prima decisione? La loro pulitura *

Non ci aspettavamo questa situazione perché l'allarme dato dalla Protezione civile era arancione e non rosso. Invece ci siamo svegliati con morti e dispersi. Tutto questo si poteva evitare se ci fosse stata prevenzione".  Alle 10 di mattina di una domenica nera e funesta per Livorno, il sindaco Filippo Nogarin ritiene necessario fare polemica. E attaccare Protezione civile e Regione di non aver saputo allertate. E quindi, lui, il sindaco, si ritrova in quell'inferno, fino a dire che "serve lo stato di allerta ai massimi livelli perché l'emergenza non è più locale ma nazionale". Ci sarebbe da parlare di fiumi, come il Rio Ardenza, "che ha sfondato porte blindate", come raccontano I testimoni. Di 25 centimetri d'acqua scaricati su Livorno tra le 2 e le 4 della notte tra sabato e domenica, la quantità di un anno. Del nonno che si è tuffato nel salotto dove galleggiavano mobili per salvare la famiglia del figlio ma è riuscito a mettere in salvo solo…

L'inchiesta Consip e le grandi manovre dentro e fuori l'Arma

L C'è aria di voler accelerare a piazzale Clodio sull'inchiesta Consip e i suoi vari filoni. La corruzione è quasi chiusa. La fuga di notizie istituzionali sembra avviarsi verso la conclusione. Ieri, venerdì 16, l'interrogatorio del presidente di Consip, Luigi Ferrara. La prossima settimana sarà la volta di Filippo Vannoni, teste chiave almeno quando Luigi Marroni per la parte che riguarda la fuga di notizie e quindi il coinvolgimento dei vertici dell'Arma e del sottosegretario Luca Lotti. 
Ma per valutare bene la portata politica ma soprattutto istituzionale dell'inchiesta occorre soffermarsi di più e meglio su quello che è successo il 7 giugno negli uffici della procura di Roma a piazzale Clodio. Quel giorno, il procuratore capo Pignatone, l'aggiunto Ielo e il sostituto Palazzi interrogano due ufficiali del Noe. Il primo è il numero due del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, il colonnello Alessandro Sessa. Sono le 15. Alle 17 davanti ai pm si siede - è…

Gentiloni, le destre e il fuoco amico: tutti i fronti di un premier attaccato da sinistra e da destra. Giorni fa,nelll'intervista al TG1, il premier ha mostrato la sua forza ma anche la sua debolezza. E ha parlato per l'autunno: “Bene Minniti e bene i dati economici. Ora si tratta di trasformare la crescita in benefici concreti per lavoro e famiglie”

Per uno che fa dell’ understatement la cifra del mandato – fatti e poche parole – e che in otto mesi ha rilasciato una sola intervista, parlare al TG1 delle venti equivale ad un messaggio che va molto oltre le parole dette. Che pure sono importanti. Paolo Gentiloni sceglie i microfoni del Tg1 per numerosi motivi: cercare di mettere ordine nella squadra di governo dopo le tensioni sulle Ong e la diversità di opinioni tra i ministri Minniti e Delrio; rassicurare le istituzioni, dal presidente Sergio Mattarella alla Bce; tenere a bada gli sciacalli di casa che sentono odore di crisi; e gli sciacalli di fuori casa che ugualmente scommettono su logoramento lento dell’esecutivo del premier per affondarlo durante la complessa sessione autunnale di bilancio. Aver fatto quell’intervista non è stato un segnale di debolezza. Ma neppure di forza. Significa che il premier è consapevole che il suo governo è appeso giorno dopo giorno ad un numero infinito di variabili. Quasi nessuna controllabile. L…